E STA TE

Lettini spanati tra lo sfrigolio
del salmastro, ombrelloni inaciditi
dalle acque piovane delle continue stagioni,
casacche colorate appese a buste della spesa
sotto l’ennesima potenza di un ovvio tepore.

Infradito nascoste tra cumuli di sabbia,
spaiate, disordinate, svergognate
e nostalgiche;
custodie di occhiali, portafogli rigonfi,
creme abbronzanti, protettive, lenitive,
stimolanti, esfolianti.

Mammiferi inconsapevoli rinchiusi in gabbia
giocano a tradire l’ingresso nella storia,
imitano i loro cuccioli che vivono la natura,
ignorano il cronos e il logos,
provano a divertire i loro spiriti.
Questo è il solo modo
che hanno per sopravvivere.

 

 

 

A chiusura dell’estate, abbiamo voluto esprimere il nostro punto di vista su certe abitudini e comportamenti di stagione.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in News, Scritture... e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a E STA TE

  1. Agata ha detto:

    Gli ultimi due versi sono quantomai veri e un bel pugno nello stomaco!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...